Crea sito
buona_scuola

APPROVATO IL TESTO DEL DDL

CONCLUSO L’ESAME DEL DDL PRESSO LA VII COMMISSIONE CULTURA ALLA CAMERA

LA VII COMMISSIONE HA CONCLUSO L’ESAME DEL DDL E STESO IL TESTO DEFINITIVO: ORA INIZIA LA DISCUSSIONE IN AULA PARLAMENTARE E DOPO ARRIVERA’ AL SENATO.

Quello che emerge dopo una prima occhiata, è che a quanto pare nulla è stato cambiato, né per quanto riguarda i poteri del Dirigente Scolastico, né per quanto riguarda albi triennali e graduatorie.

Gli scioperi, le manifestazioni, i fiumi di inchiostro che sono stati scritti, le interviste fatte, nulla è servito a far fare marcia indietro su questa riforma che sarà una vera scommessa……ma a quanto pare chi è disposto a scommettere è solo il governo di Renzi.

Ecco stralci del testo approvato.

“Il personale docente già assunto in ruolo a tempo indeterminato alla data di entrata in vigore della presente legge conserva la titolarità presso la scuola di appartenenza. Il personale docente in esubero o soprannumerario nell’anno scolastico 2016-2017 è assegnato a domanda a un ambito territoriale. Dall’anno scolastico 2016-2017 la mobilità territoriale e professionale del personale docente opera tra gli ambiti territoriali.

Con decreto del direttore dell’ufficio scolastico regionale, l’organico dell’autonomia, determinato sulla base del fabbisogno indicato nel piano triennale dell’offerta formativa, è ripartito tra gli ambiti territoriali. Per l’anno scolastico

2015-2016 l’organico dell’autonomia comprende l’organico di diritto, l’adeguamento dell’organico alle situazioni di fatto e quello per il potenziamento, incluso il fabbisogno per i progetti e le convenzioni di cui al precedente comma 2…”

Il dirigente, per la copertura dei posti dell’istituzione scolastica, propone gli incarichi ai docenti di ruolo assegnati all’ambito territoriale di riferimento, anche tenendo conto delle candidature presentate dai docenti. Il dirigente scolastico può utilizzare il personale docente in classi di concorso diverse da quelle per le quali è abilitato, purché possegga titoli di studio, validi per l’insegnamento della disciplina, percorsi formativi e competenze professionali coerenti con gli

insegnamenti da impartire.

  1. La proposta di incarico da parte del dirigente avviene in coerenza con il piano dell’offerta e sulla base dei seguenti criteri:
  2. a) durata triennale e rinnovabile per ulteriori cicli triennali;
  3. b) conferimento degli incarichi con modalità che valorizzino il curriculum , le esperienze e le competenze professionali, anche attraverso lo svolgimento di colloqui;
  4. c) trasparenza e pubblicità degli incarichi conferiti e dei curricula dei docenti attraverso la pubblicazione sul sito Internet dell’istituzione scolastica. L’incarico è conferito con l’accettazione della proposta da parte del docente.

Nel caso di più proposte, il docente effettua la propria opzione fra quelle ricevute, fermo restando l’obbligo di accettarne almeno una.

In caso di inerzia dei dirigenti scolastici l’ufficio scolastico regionale provvede ad assegnarli d’ufficio alle istituzioni scolastiche. Provvede altresì a conferire l’incarico ai docenti non destinatari di alcuna proposta.

Ai fini del piano straordinario di assunzioni, l’organico dell’autonomia, limitatamente ai posti del potenziamento nella scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado, è determinato entro 15 giorni dall’entrata in vigore della presente legge, sulla base delle indicazioni del dirigente scolastico.

Per l’anno scolastico 2015-2016 gli ambiti territoriali hanno estensione provinciale.

Quindi per il prossimo anno scolastico i docenti che ricevono le proposte hanno l’obbligo di accettarne almeno una in ambito provinciale.

ScuolaE’ Lombardia

 

, , ,

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

Associazione Culturale di Formazione e Orientamento